Cinzia Pedrani,formati ed informati prima di aprire

Formati ed Informati prima di aprire.

E’ necessario formarsi ed informarsi prima di aprire un Bed and Breakfast? Oggi voglio affrontare con te questo argomento.

Lo so, parrebbe scontato.

Prima di iniziare una qualsiasi attività commerciale, un’ impresa, piccola o grande che sia è necessario acquisire informazioni e competenze.

Prima di tutto per capire se si possiedono tutti i requisiti necessari, personali e strutturali, per svolgere l’attività in questione. Superato questo step si passa alle competenze, diverse per ogni attività.

Al termine del percorso , in maniera consapevole, si apre la propria struttura.

Credo valga per l’apertura di un bed and breakfast ma anche di un negozio di fiorista ( per esempio ), per una qualunque attività on line o off line.

E invece no, non è così. Credimi.

Quasi quotidianamente leggo post o raccolgo richieste d’aiuto di persone che si sono buttate allo sbaraglio in questa attività e, solo dopo, hanno pensato di informarsi un po’ su cosa prevede e richiede.

In Regione Lombardia per aprire un bed and breakfast non serve la partita Iva.

Questo puo’ forse far pensare che sia un’attività di secondo livello, semplice, senza grossi obblighi o competenze. Quasi banale. Errore gravissimo.

Non pretendo che tutti seguano il mio percorso di formazione.

6 mesi di corsi, dall’inglese all’informatica passando per uno studio del nostro territorio, 350 ore in aula ( a Varese ) con tanto di registro delle presenze da firmare quotidianamente.

Dal 6 dicembre del 1999 al 30 maggio 2000, titolo del progetto: Creazione d’impresa al femminile nel settore dell’accoglienza turistica”. Parte finale del percorso è stata una settimana di stage in B&B ad Orvieto. Che bei ricordi.

E’ stato il primo e unico corso così completo organizzato in provincia di Varese. Ce ne sono stati altri, ad un paio ho anche partecipato come docente, meno approfonditi ma comunque di qualità. Eventi rari. E suppongo che cambi poco anche nelle altre provincie a giudicare da quello che leggo o incontro.

Questo post è un cortese invito a Formarti ed Informarti prima di aprire il tuo B&B. Almeno un po’.

Andando oltre i requisiti fondamentali:

  • Vorrei tralasciare il discorso “Informazioni” per altro molto semplice: recupera la legge regionale, studiala, se non capisci chiedi aiuto e assicurati che tu e la tua casa possediate tutti i requisiti “tecnici” richiesti.
  • Andrei veloce anche sugli obblighi legati alla presenza di un ospite: dichiarazione alla pubblica sicurezza, inserimento dati nel portale della propria Provincia o Regione e dichiarazione dei redditi percepiti.
  • Sorvolerei anche sui requisiti igenico-sanitari offrire ospitalità in una camera confortevole, ben arredata e corredata, pulita e profumata è LA BASE di questa attività. Mi fermo qui.

Parti dai miei post, categoria per iniziare e leggili con attenzione.

Lo so, non sono argomenti facili da “masticare” ma, credimi, sono passaggi fondamentali per creare delle solide basi alla tua attività.

Cosa aggiungo di nuovo oggi?

  • improve your english se lo conosci già ben per te altrimenti studia, parla, leggi, guarda film in inglese. Non è immaginabile oggi aprirsi all’ospitalità turistica senza conoscere almeno questa lingua. Moltissimi dei miei ospiti si complimentano con me per il mio inglese ma, ti assicuro, che non è così buono come dicono. Sai perchè dò loro questa impressione? Perchè la maggior parte dei miei colleghi lo parla poco e male. That’s all.
  • innamorati del tuo territorio mi auguro che tu lo sia già, innamorato del luogo in cui vivi, quello che ti chiedo oggi è di diventare il maggior conoscitore delle risorse, delle infrastrutture, della storia e dell’enogastronomia della tua città, paese, provincia. Uno dei motivi per i quali i turisti scelgono i bed and breakfast è proprio perchè vogliono avere un’esperienza più autentica e reale di quella che normalmente offrono gli hotel. Preparati per loro.
  • fatti un planning questo sarà argomento di un prossimo post nel frattempo ti invito a riflettere sull’importanza di definire i tuoi obiettivi ( di occupazione camere, di budget, di ore di lavoro…) prima di partire. Almeno a livello indicativo.
  • allenati ad affrontare gli imprevisti come ti raccontavo in Imprevedibile Imprevisto sono inevitabili, gestendo un B&B e non solo. Cerca di affrontarli al meglio, segui i miei consigli e ricordati di sorridere.
  • investi nella tua formazione se ti sembra di avere bisogno di approfondire, se ti senti poco preparato su qualche argomento investi su te stesso. La formazione ( di qualità ) è sempre un’ottimo investimento. Che si tratti di marketing, di tecnologia digitale, di cucina o di intelligenza finanziaria stabilisci una cifra ( non disdegnare la formazione gratuita, on line trovi tante proposte anche di alto livello ) e un monte ore annuale da dedicarti per improve yourselfe. Consideralo un investimento, personale ed aziendale. Mi ringrazierai.

L’informazione col valore maggiore è quella che ancora non sai ed è compito tuo cercare di scovarla per farla diventare parte di quello che proponi.

Marketing Turistico, A.Alessandrini

Per oggi mi fermo qui.

Fammi sapere cosa ne pensi nei commenti qui sotto e, se ti va, raccontami come ti sei preparato o ti stai preparando ad essere un Host felice e soddisfatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.