I tuoi punti dolenti, Cinzia Pedrani

Occupati dei Punti Dolenti

Oggi voglio affrontare l’argomento Punti Dolenti: chiaramente declinati in chiave Hosting cioe’ pensando alla nostra ospitalita’, alla nostra struttura.

Mi ha ispirato la carta oracolo della scorsa settimana.

Faccio un passo indietro. Forse non sai che ogni lunedi‘ spedisco una newsletter, Vita Da Host: ispirazione, consigli e link di approfondimento per la nostra Vita da Host. L’ispirazione e’ rappresentata da una carta oracolo: la scorsa settimana era questa.

Massage, Vita da Host, Cinzia Pedrani

La carta ti invita ad ascoltare ciò che il tuo corpo richiede. Puoi sperimentare l’ automassaggio, il massaggio del partner o recati in una spa locale per qualcosa di piu’ professionale. Se la cosa non ti spaventa puoi esaminare i problemi metafisici ed energetici legati alle parti del tuo corpo che si sentono a disagio o in cui hai lesioni”

Sacred Self Care Rituals

Guardando l’immagine la prima cosa che ho pensato e’ stata:

I punti evidenziati nella carta, quelli dei quali prendersi cura, corrispondono esattamente ai miei punti dolenti! La base del collo, la mano sinistra e la parte lombare.

Un caso?

Non saprei, ma utilizzando queste carte per aiutare o almeno ispirare persone che gestiscono un B&B o sognano di farlo la mia mente ( forse strana, non so ) ha subito fatto una traslazione ed e’ arrivato il secondo pensiero.

Ha senso parlare di Punti Dolenti nella gestione di un bed and breakfast?

Per rispondere a questa domanda ( sploiler, se son qui che scrivo evidentemente la riposta e’ stata si ) ho spostato l’attenzione dal mio corpo al mio business ed ho pensato:

ci sono Punti Dolenti nella mia gestione del B&B I Due Noci? Ha senso parlarne?

Ebbene si, ci sono e si, credo abbia senso parlarne.

Questo post pero’ non vuole essere un elenco dei punti dolenti del B&B I Due Noci ( magari lo faro’, chissa’ ) ma piuttosto un invito a portare l’attenzione, con occhio benevolo mi raccomando, ai Punti Dolenti della tua gestione e darti alcuni suggerimenti su come lavorarci su. Partiamo.

Prendine Coscienza

Il primo passaggio e’ sempre questo: esserne consapevoli. Proprio come fai con il corpo. Cosa ti puo’ aiutare ad identificarli? Tante cose ma volendone scegliere una direi le recensioni dei tuoi ospiti. Parti da li. Ci sono osservazioni ricorrenti? Capita che piu’ di un ospite sottolinei una problematica, una difficolta’, un disagio? Ecco, se succede quello e’ sicuramente un Punto Dolente.

Accettali

Una volta visti cosa possiamo fare? Il passaggio numero due, a mio avviso, e’ accettarli. I Punti Dolenti, per loro natura, non sono eliminabili. Non adesso. Spesso sono strutturali ( ad esempio una scala interna, magari ripida, che proprio non si puo’ modificare ) o non dipendono da noi, in alcuno modo.

Ti faccio un esempio pratico. Qualche anno fa il comune in cui vivo ha deciso di modificare la viabilita’ della strada principale che porta al mio B&B rendendola un senso unico. Questa decisione si e’ dimostrata essere un Punto Dolente per la mia struttura. Il fatto che, per raggiungermi, si debba fare il giro del quartiere non piace molto ed alcuni ospiti lo sottolineano nelle recensioni.

Accettare i propri punti dolenti e quindi smettere di recriminare sul quanto sia giusto o ingiusto essere penalizzati in fase di recensione per questo, non prendersela, non imprecare, non vivere nell’ansia per questo. E’ un passaggio non facile, lo so, ma obbligatorio. Ahime’.

Trasformali

Qui viene la parte interessante. Pensa un po’ fuori dagli schemi e cerca di capire se e’ possibile trasformarli in Punti di Forza : non fare quella faccia che ti vedo, non e’ facile, lo so, e sicuramente non e’ sempre possibile ma non arrenderti subito. In questa fase potrebbe esserti d’aiuto chiedere a parenti o amici che magari hai ospitato e vedere loro come hanno vissuto il Punto Dolente. Potrebbero stupirti.

Se trasformarli in punti di forza non e’ fattibile il mio consiglio edi parlarne con i tuoi ospiti, di anticpiarli, di portare tu li’ la loro attenzione. Fin da subito. Puoi scegliere di farlo gia’ in fase di prenotazione ( se avviene via mail ) o direttamente sul tuo sito, anche con un post specifico. Perche’ no? Certo, dipende dal Punto Dolente ma metterne a conoscenza i nostri ospiti ed aiutarli a vederne il lato positivo ( o almeno un lato un pochino positivo ) credo sia una possibilita’ che valga la pena cogliere.

Tornando al mio esempio specifico, il senso unico. Durante il soggiorno dei miei ospiti faccio casualmente cadere la conversazione sulle motivazioni che ci sono alle spalle di questa ( infelice ) scelta comunale: maggior sicurezza sulle strade, limite dei 30 all’ora nel centro e potenziamento della rete di piste ciclo pedonali. Il Punto Debole rimane, lo so, ma almeno cosi’ gli do’ un senso ( al senso unico! ).

Alcuni ospiti comprendono altri no, chiaramente. Val la penna provarci.

Ricapitolando quindi:

Serve conoscere i propri Punti Dolenti?

Assolutamente si.

Tornando per un attimo alla carta oracolo ed al suo messaggio: per poterti occupare in maniera utile del tuo corpo ti serve sapere a quali parti portare maggiore attenzione quando ti muovi. Giusto?

Funziona esattamente allo stesso modo con la gestione del tuo Bed and Breakfast : conoscere i tuoi Punti Dolendi ti permettera’ di ” muoverti “ meglio, con i tuoi ospiti e nella tua comunicazione, con minor dispendio di energie e soldi, assicurandoti il risultato migliore possibile.

Prova e poi, se ti va, fammi sapere qui sotto o sul tuo canale social preferito se questa riflessione ti e’ stata utile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.