Cinzia Pedrani-Novembre

A proposito di Bassa Stagione.

Oggi riprendo la buona abitudine di partire da un post del mio vecchio blog.

E’ una buona abitudine per due motivi:

  • colgo l’occasione per aggiornare il post e tenere anche quel blog vivo
  • rimango ancorata alla mia vita di gestore e la cosa mi piace

Il post è Mi son distratta un attimo e … siamo a Novembre! scritto il 3 novembre del 2014. Siamo a dicembre ma il discorso vale comunque.

Questo periodo dell’anno è solitamente un periodo di bilanci: bilanci economici, certamente, ma non solo. E’ un buon momento anche per fare un bilancio degli obiettivi raggiunti, dei sogni realizzati ed iniziare a pensare a quelli che verranno.

In quel post infatti affrontavo questo argomento e facevo un bilancio del mio 2014. Se ti incuriosisce ti consiglio di leggerlo: ho deciso di non aggiornarlo ora perche’ lo stravolgerei, ma ho in programma di farlo nei prossimi giorni.

Non so a che punto tu sia del tuo percorso “Apro un bed and breakfast”: magari sei un host navigato, più o meno soddisfatto e più o meno stanco dell’anno concluso, magari sei agli inizi, hai tanto entusiasmo ma ti sembra tutto complicatissimo, gli altri host sembrano  mille volte più bravi, più capaci, più tecnologici di te.

In questo momento non mi interessa focalizzarmi su ciò che vi differenzia ma su ciò che vi accomuna: se il tuo B&B è in Italia il mese appena trascorso è probabilmente quello con minor afflusso dell’anno, o uno dei mesi. Giusto? 

Ma lunedì, controllando i numeri, mi sono resa conto che novembre è stato un ottimo mese per il mio bed and breakfast.

Nonostante la chiusura di quasi due settimane per un viaggio fuori programma, le notti vendute sono in linea con l’anno scorso e l’incasso leggermente maggiore, anche  rispetto agli  anni precedenti.

Come mai? Qual’è il mio segreto?

Nessun segreto, tranquilla.

Solo buonsenso, determinazione e voglia di “sporcarsi le mani” , di imparare. Sbagliare e imparare ogni giorno.

Atteggiamenti che valgono sempre, nella vita in generale e nel business in particolare.

Detto questo, ti lascio alcuni spunti pratici, cose da non fare e cose da fare nei periodi di “Bassa Stagione“, piccole azioni che ho visto funzionare per me, nella mia attività.

Iniziamo da quelle che non dovresti fare:

  • partire in quarta con la ristrutturazione delle stanze, acquistare nuovi oggetti per abbellire un prodotto che, probabilmente è già fantastico
  • sparire dai social media perche’ non ne puoi più, smettendo così di interagire con i tuoi ospiti o potenziali tali
  • dimenticarsi completamente del proprio sito, delle offerte pubblicate, del calendario e magari anche di leggere le mail ( tutte cose viste, ahimè!)
  • cercare disperatamente di riposarti perche’ sei arrivato sconvolto a fine stagione e vedi il tuo entusiasmo calare di anno in anno

Cosa dovresti invece fare :

  • un bilancio, sincero, della stagione conclusa: obiettivi raggiunti ( festeggia mi raccomando )  obiettivi mancati ( come mai, come potresti aggiustare il tiro il prossimo anno? numeri alla mano fai le tue valutazioni. Fissa nuovi obiettivi e complimentati comunque con te stesso per il lavoro fatto )
  • continuare a rimanere in contatto sui social con il tuo pubblico ( sai il detto antico:” lontano dagli occhi, lontano dal cuore!” ?  A quei tempi i social non esistevano ma il principio è il medesimo, credimi )
  • aggiornare il calendario del prossimo anno: dopo aver verificato le date degli eventi più importanti per il tuo B&B programmare già qualche giorno di chiusura per te ( almeno ogni 2 mesi ) e impostare i prezzi della nuova stagione su tutti i portali
  • prepara offerte mirate per le persone che hai già ospitato, offerte specifiche, il più possibile personalizzate da mandare direttamente a loro magari con gli auguri di Natale o di Buon Anno
  • ancora aggiorna ed aggiornarti ( aggiorna il sito, il blog, i tuoi profili social, ma investi tempo e denari anche su di te,  sulle tue competenze. Leggere qualcosa di specifico, partecipare ad un seminario, ad un corso on line, studiare sono attività che non andrebbero mai smesse, sono un nutrimento per il cervello, per la creatività, per l’umore )

Ti vedo già che storci il naso e pensi: si Cinzietta, tutto ok ma quando mi riposo?

Ecco, questo è il tasto dolente. O piacevole, dipende da come lo guardiamo.

Il mio consiglio, se possibile, è quello di ritagliarti dei brevi momenti di vacanza sparsi durante l’anno in modo da non arrivare più senza energie alla fine della stagione. Mi rendo conto che non è sempre facile ma questo dovrebbe essere il tuo obiettivo.

La cura di te è fondamentale. Puoi avere anche il B&B più bello del mondo, nel posto più figo del mondo, ma se quando arrivano i tuoi ospiti ti trovano stanco, privo di entusiasmo, demotivato e con zero di voglia di ascoltarli stai tranquillo che non torneranno da te e nemmeno consiglieranno la tua struttura.

Quindi a fine stagione una bella settimana, 10 giorni di vacanza e poi via, con rinnovato entusiasmo verso una nuova meravigliosa stagione.

“Guarda con attenzione al presente che stai costruendo.

 Dovrebbe assomigliare al futuro che stai sognando”

                                                             Alice Walker